«

»

Mag 24

Convegno: “Casa e lavoro come diritto e produzione di rapporti sociali, riflessioni e nuove proposte”

un-momento-dellEvento-655x437La Dott.ssa Chiara Benedetti, in qualità di Presidente dell’Associazione La Bussola Onlus, ha partecipato al convegno “Casa e lavoro come diritto e produzione di rapporti sociali, riflessioni e nuove proposte”, organizzato dal Dipartimento di Salute Mentale dell’Ausl di Rieti.

Ha presentato un Progetto di Fattoria sociale, alla quale l’Associazione sta lavorando, in collaborazione con altri partner, esperti in cooperazione sociale e imprenditoria agricola.

Il convegno ha mostrato come la possibilità di accedere al mondo del lavoro per pazienti con disabilità mentale diventi strumento e meta finale di un progetto terapeutico-riabilitativo finalizzato al recupero di livelli più elevati di autonomia personale in termini di  assunzione di responsabilità e senso di utilità ed appartenenza sociale.

In particolare, l’intervento presentato ha illustrato come l’agricoltura sociale possa fornire un ottimo contributo per perseguire tali obiettivi: in quanto parte dell’agricoltura multifunzionale, essa  può offrire un’ampia gamma di servizi finalizzata a perseguire il benessere dell’intera cittadinanza e quindi rispondere ad un più ampio bisogno di politiche di welfare. Oltre alle aree di riabilitazione/cura, ricreazione e qualità di vita, educazione e servizi alla vita quotidiana, l’agricoltura sociale può occuparsi di formazione e inserimento lavorativo, proponendo esperienze orientate all’occupazione di soggetti svantaggiati, con disabilità relativamente meno gravi o per soggetti a bassa contrattualità (detenuti, tossicodipendenti, migranti, rifugiati).

Obiettivi specifici di una Fattoria Sociale, che – come quella proposta – si occupi di quest’area, sono:

1. aumentare l’autostima attraverso il lavoro

2. aumentare i gradi di autonomia delle persone beneficiarie del progetto supportandole e sostenendole nelle attività

3. imparare a lavorare in un contesto facilitante

4. promuovere la resilienza grazie alle attività naturali

5. acquisire grazie a questa esperienza competenze di problem solving

6. favorire l’inclusione sociale

7. potenziare le conoscenze e le competenze non solo tecniche ma anche sociali e trasversali dei beneficiari

8. creare e/o potenziare le reti di collaborazione tra i vari soggetti ed enti coinvolti, ottimizzandone la comunicazione e la diffusione di buone prassi

9. accrescere la conoscenza e il rispetto per il territorio agricolo.

 

Per sapere di più sul convegno clicca su:

http://www.rietilife.it/2015/05/23/reinserimento-sociale-pazienti-psichiatrici-convegno-alla-asl/

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare i seguenti tag ed attributi HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>


*